STUDIO

Video

Come si svolge l’attività in studio e su quali temi si può lavorare? Ve ne parlo più dettagliatamente nel video!

Amo viaggiare e quindi…non potevo avere un solo studio!
Sono presente a Forlì e a Cesena, con due studi attrezzati per accogliere adulti e bambini.

L’attività svolta in studio abbraccia tre ambiti distinti ma che, nel mio approccio lavorativo, si mescolano tra di loro in maniera molto funzionale: consulenze, psicomotricità e mindfulness.
Scendiamo un po’ più nel dettaglio…


Le consulenze
I genitori o gli educatori in generale che si rivolgono a me lo fanno perché riscontrano difficoltà nel processo educativo nei confronti dei loro figli o bambini affidati.
I famosi “capricci”, la difficoltà a seguire le regole, disturbi nell’area della regolazione tonico – emotiva, irrequietezza, eccessiva esuberanza o l’esatto contrario sono i tipici argomenti per i quali, normalmente, si arriva nel mio studio.
I colloqui mirano a fare chiarezza sui motivi sottostanti a tali atteggiamenti, a sgombrare il campo dai primi dubbi (E’ normale? Ho sbagliato qualcosa io?) e a trovare strategie utili e pratiche da riportare a casa.

Attività di psicomotricità

La psicomotricità è diventata parte integrante degli studi pedagogico – educativi. 

La sua efficacia è stata dimostrata oramai da anni, tanto che viene sempre più spesso consigliata da Pediatri e insegnanti che hanno compreso la sua utilità nell’affiancamento dello sviluppo del bambino.
A cosa serve la psicomotricità? A cosa mira?
Essa vuole creare un’unione, un’armonia che coinvolga corpo, sfera cognitiva e mondo emotivo. In realtà la psicomotricità non è “roba per piccoli”: la si associa tipicamente alle fasce prescolastiche e scolastiche ma  è sempre più spesso proposta anche agli adulti.

Ogni percorso di psicomotricità è pertanto personalizzato, perché deve tenere in considerazione questi tre ambiti (corporeo, cognitivo, emotivo) diversi in ogni individuo. Per trovare i percorsi più idonei si parte quindi necessariamente da un’attenta osservazione.

Durante la fase di osservazione emergono le caratteristiche, le potenzialità ed eventualmente le aree in cui il bambino si trova in difficoltà e su cui potrebbe essere utile affiancarlo.

 

I percorsi possono essere:

  • Per bambini da 2 a 10 anni (in affiancamento alle tipiche fasi dello sviluppo)
  • Per bambini oltre i 10 anni (per obiettivi specifici)  
  • Per genitori e figli
  • Individuali, a coppia,o a piccoli gruppi
  • Percorsi personalizzati di osservazione dello sviluppo psicomotorio rivolto a genitori e bimbi da 0 a 2 anni.

Il percorso, con le sue tappe e obiettivi, viene condiviso con i genitori, educatori e insegnanti laddove ce ne sia richiesta da parte della famiglia. Questo perché un percorso con obiettivi condivisi ha molto più valore.

Mindfulness
All’attività di psicomotricista unisco i miei studi nel campo della Mindfulness, perché li trovo particolarmente utili e significativi anche per genitori, bambini e adolescenti.
Che cos’è la Mindfulness?
Mindfulness significa consapevolezza, ma in un modo particolare: con intenzione, al momento presente (ora), in modo non giudicante.
Nei bambini non si tratta ovviamente di mettersi seduti a gambe incrociate e meditare, ma si strutturano esercizi molto semplici, quasi giocosi.

In altri termini si cerca di far focalizzare il bambino o l’adolescente sulle sue emozioni, sul suo corpo e soprattutto sul presente. È un primo avvicinamento al lavoro di conoscenza di sé, base assoluta per qualsiasi percorso sull’individuo che voglia mirare a far prendere coscienza delle proprie azioni, oltre che una tecnica che porta alla concentrazione e al rilassamento.

CONTATTAMI

Dott.ssa Marcella Ortali

Pedagogista – Psicomotricista – Esperta nella Gestione dei Gruppi
Membro del Coordinamento Regionale di Anupi Educazione – Emilia Romagna

Telefono

+39 347-3177573

Studi

L’Albero del Pensiero via Giordano Bruno 118 Cesena
Vivavoce via Monte Santo 21 Forlì 47121

SCRIVIMI