News ed Eventi sull'attività di Psicomotricità e Pedagogia di Marcella Ortali a Forlì Cesena

Zaino in spalla!

Si potrebbe pensare che “Zaino in spalla!” non sia il titolo adeguato per l’articolo di apertura di un Sito, soprattutto se il sito in questione non tratta di viaggi ma di Pedagogia e Psicomotricità. Invece trovo che sia in assoluto il titolo più adeguato. Perché? Ora ve lo dico.

Marcella Ortali - Psicomotricista - sul Cammino di Santiago

Questo Sito per me è e sarà un’avventura, mette insieme il mio lavoro, le mie passioni, il mio modo di vedere le cose e il mondo. Mette insieme ogni pezzo del mio Puzzle personale e ve lo mostra. Se vi interessa e volete condividere con me il mio viaggio allora caricate il vostro zaino e partiamo.

Cosa Mettere nello Zaino?

Ogni volta che si parte per un’avventura, qualunque essa sia, metaforica e non, lo zaino è una delle parti più importanti. Sono un’amante della natura, del trekking, delle Ferrate e all’avvicinarsi della prima partenza, di solito, vengono organizzate serate di formazione su come fare lo zaino:

  • non deve appesantire troppo,
  • non deve sbilanciare, per cui deve essere equilibrato,
  • deve contenere ciò che è indispensabile.

Direi che queste regole possono valere, tranquillamente, anche per il nostro zaino.

Come fare lo Zaino per Questo Viaggio

Sia che tu sia un genitore desideroso di consigli e idee, sia che tu sia un Educatore che abbia bisogno di nuovi spunti, aggiornamenti e confronto preparate il vostro zaino per affrontare il nostro viaggio insieme considerando queste cose:

  • il peso di ciò che vi caricate sulle spalle deve essere proporzionato al peso che siete, effettivamente, in grado di portare (nessuno di noi è un cavallo da soma, siamo solo persone in cammino!). Non appesantitevi troppo! Abbiamo tutti un limite di pensieri, preoccupazioni, responsabilità, oltre il quale non possiamo reggere;
  • impiliamo e organizziamo bene, in ogni anfratto dello zaino: convinzioni, valori, idee e regole condivise, pronte per essere utilizzate all’occorrenza ma anche gettate al vento e abbandonate lungo il nostro cammino, se ci rendiamo conto che non ci servono più.

D’altronde è un po’ questo il senso di avere uno zaino:

  • poter metter dentro, per portare con noi, ciò che per strada incontriamo e riteniamo importante,
  • poter tirar fuori ed eventualmente abbandonare ciò che strada facendo ci rendiamo conto non essere indispensabile.

Questo mi piacerebbe fosse anche il senso di questo Sito: io vi mostro cosa, durante le mie esperienze, ho deciso di tenere con me e mettere nel mio zaino e voi se avete voglia potete prenderlo, metterlo nel vostro e condividere con me qualcosa di vostro che magari, a mia volta, potrei decidere di mettere nel mio.

Sembra quasi uno scambio di figurine! Ma perché no? D’altronde per crescere bisogna esser pronti agli scambi:

  • di opinioni,
  • di pensieri,
  • di approcci lavorativi ed educativi.

Frase Famosa Albert Einstein Non possiamo rimanere fermi e inchiodati nelle nostre convinzioni!

D’altronde lo diceva anche Einstein:

“La vita è come andare in bicicletta. Per mantenere l’equilibrio devi muoverti”.