Articoli teorici sulla Pedagogia

Come stimolare il disegno nei bambini

L’attività del disegno è un’attività che non sempre viene accettata di buon grado da tutti i bambini le motivazioni che, in genere, li spingono a non amare questa attività riguardano spesso la sfera emotiva.

Il disegno, se ci pensiamo, è la prima azione che il bambino compie e che lascia un segno ben visibile, una vera e propria traccia. Questo comporta che se la traccia che viene lasciata, per il bambino, non risulta essere abbastanza bella o accettabile non verrà lasciata volentieri. Il disegno nei bambini è una delle prime azioni che può essere, a loro avviso, giudicata e che continua ad essere vista e osservata anche quando loro non ci sono più e l’azione si è già conclusa. Tutto ciò a differenza di tutte le azioni già sperimentate e imparate per tentativi ed errori come, per esempio, camminare, correre o saltare, durante le quali l’errore non lascia traccia e non rimane “giudicabile” o visibile. Ecco perché i bambini, in particolar modo quelli più insicuri e sensibili, sono un po’ restii ad approcciarsi all’attività del disegno.

Come stimolare il disegno nei bambini?colorare

Abbiamo già ampiamente parlato dell’importanza della motivazione, per il bambino, che lo spinge ad approcciarsi a nuove azioni o attività. Lo stesso vale per il disegno dove, la cosa più importante, è proprio la motivazione. Quali potranno essere quindi, delle motivazioni che potrebbero stimolare la voglia di disegno nei bambini? Sicuramente non il contenuto che, al contrario, potrebbe creare loro un po’ di ansia da prestazione (concedetemi il termine!). Motivazioni più funzionali, invece, potranno essere:

  1. Il piacere sensoriale del gesto del disegno. Il disegno, in primis, deve essere vissuto come un’attività piacevole e ludica. Il primo piacere che si vive nell’atto di disegnare è la piacevolezza del gesto. Puntiamo su quella! Proponiamo attività il cui obiettivo principale sia proprio quello di sperimentare il gesto del disegno utilizzando vari materiali e stimolando differenti sensazioni: colori a dito, colori preparati in casa schiacciando frutta o verdura colorata, pennarelli, matite, acquerelli. Utilizzate più materiale possibile che dia al bambino il gusto e la gioia di sperimentare il loro gesto con materiali sempre differenti.
  2. Motivazione valida per il bambino è, come sempre, il Fare Insieme. Fregatevene del contenuto e date valore al contorno! Preparate una tavola di lavoro, dei colori, dei fogli, tutti insieme per il vostro pomeriggio tra i colori. foto (2)
  3. Date valore alla sua opera d’arte (probabilmente astratta!) dichiarando di apprezzarla molto e magari, laddove possibile, appenderla. In questo modo anche il bambino più insicuro si sentirà apprezzato per quello che piano piano si sta approcciando a fare, indipendentemente dal suo contenuto.

A questo punto, quindi, perché non sfruttare il Natale che è alle porte per fare insieme ai nostri bimbi dei disegni su cartoncino, o su altri materiali, che possano essere utilizzati come decoro per l’albero o per i bigliettini di auguri per i parenti. Potrebbero anche diventare dei veri e propri regali, con cornice e quant’altro. Per il bambino avrà una valenza emotiva molto forte vedere che i loro disegni sono talmente tanto apprezzati da diventare un vero e proprio dono.

Sbizzarritevi con la fantasia e le creatività l’importante è ricordare sempre qual è il vero segreto:

il bambino impara solo attraverso l’esperienza e fa esperienza solo di ciò che gli piace, per cui, il segreto non è insegnare loro ciò che ancora non sanno fare ma trovare il modo per farglielo piacere! In questo modo, vedrete, impareranno da soli tutto il resto.

foto (1)

Cosa ne pensate? 

Chi vuole può inviarmi una foto di qualche opera d’arte dei vostri figli, la userò come immagine per i prossimi articoli!